La metafora delle onde

“Immagina davanti a te una grande onda. Istintivamente, la paura ti porterà ad allontanarti, temendo l’impatto e la potenza della stessa. Più ti allontanerai, più ti sembrerà che l’onda sia immensa, forte ed impossibile da dominare. Cosa succederebbe invece se tu decidessi di lasciarti travolgere dall’onda? Anche se il momento dell’impatto ti potrà sembrare sconcertante, la paura lascerà spazio al pensiero che è possibile affrontare anche la peggiore delle onde.”

 Come possiamo affrontare le onde?

Questa metafora è utile per farci capire che i pensieri ed i sentimenti non possono causarti del male reale. Ti propongo un esempio per spiegare in modo più chiaro la similitudine qui riportata.
“Sulla riva della spiaggia, onde di tutte le dimensioni si infrangono costantemente. Alcune di loro sono piccole, fanno venire voglia di immergerti. Altre, invece, sono molto grandi, di aspetto minaccioso. Tuttavia, quando raggiungono la battigia, finiscono per scomparire tutte, grandi o piccole che siano, senza causare danni. Ebbene, in questa metafora la spiaggia è una rappresentazione di te stesso. Come lei, puoi resistere a qualsiasi cosa ti succeda. Le onde, che rappresentano i tuoi pensieri e le tue emozioni, non possono farti del male. È vero che alcune delle onde che si infrangono sulla spiaggia saranno molto spaventose. Potrebbero farti sentire male per un momento. Può anche sembrare che non se ne andranno mai. Tuttavia, alla fine, finiranno tutte per dissolversi nella sabbia.”
L’obiettivo della metafora delle onde sulla spiaggia è di fornire la possibilità di considerare l’accettazione come alternativa alla necessità di controllo. La nostra mente elabora a più livelli: la prima parte è quella incaricata di pensare e sentire. L’impressione delle onde può essere molto minacciosa. Tuttavia, la seconda parte, che osserva, non può mai essere danneggiata.

Cosa significa questa metafora?

La metafora delle onde rappresenta l’approccio alle difficoltà. Spesso i problemi si presentano come imprevisti insormontabili: nell’imbatterti con questi problemi, i pensieri, ricordi o emozioni sono inizialmente negativi, ma se scappi senza combatterli, non farai altro che ingrandirli e dare loro più importanza. Se invece non crolli, non ti spaventi, ma al contrario, li accetti così come sono, alla fine anche gli imprevisti più temuti diventeranno meno importanti, permettendoti di essere più flessibile ed emotivamente più stabile – qualunque sia la preoccupazione iniziale del problema.
La tua mente che osserva è la spiaggia della metafora. Pensieri ed emozioni vanno e vengono; ma alla fine spariranno tra i granelli. Allora qual è il punto di prendersi cura di loro? I pensieri e le emozioni negative rappresentano una minaccia ed allo stesso tempo un’opportunità. Se imparerai ad osservarli, ad accettarli, la tua sofferenza sarà notevolmente ridotta.

Qual è il ruolo della terapia psicologia nel mare della vita?

La terapia psicologica fa spesso uso di strumenti in cui devi usare la tua immaginazione. Uno di questi è proprio la metafora delle onde sulla spiaggia.
La metafora delle onde può aiutarti a prendere le distanze dalle tue produzioni mentali. In molte occasioni, la sofferenza non deriva da ciò che ti accade. Piuttosto, nasce da ciò che dici a te stesso. Quando dai troppa importanza alle tue credenze e preoccupazioni, ti sentirai demoralizzato, in balia dei brutti momenti. Sta a te vedere quello che dici per quello che è, cioè osservare senza giudicare o lasciarti saturare dalla negatività. I tuoi pensieri e le tue emozioni non hanno più potere su di te di quello che dai loro.
Lo psicologo può aiutarti a prendere le distanze, a cambiare il tuo modo di vedere le onde e di combatterle, così da navigare sereno nella distesa del mare. Gli strumenti con cui lavora ogni terapeuta aiutano a cambiare la prospettiva; mentre lo psicologo, come una guida, aiuta il paziente ad affrontare le onde che lo travolgono, con la certezza che alla fine anche quelle più temute scompariranno e il mare tornerà calmo.

 

A cura di:

Antonella Gentile

Laureata in Economia e Commercio presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia
Laureata in Psicologia presso l’Università degli Studi di Padova

Contatti

Via Chiesanuova 242/2 – 35136 Padova

Si riceve su appuntamento:
Tel. e Fax: 049 871.66.99
Parcheggio presso la struttura

Orari

Orari di apertura/chiusura della segreteria del nostro studio:

Dal lunedì al venerdì
dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30

Sabato previo appuntamento
dalle 9.00 alle 19.00

Inviaci una mail

Dichiaro di avere letto apposita informativa sulla Privacy e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali.

10 + 5 =

Privacy Policy      Cookie Policy