Metodo Mézières e proporzione aurea. Cosa hanno in comune?

Hai mai provato ad osservare la disposizione dei semi a forma di spirali di un fiore di girasole? O a eseguire una sezione trasversale di una mela e trovare la forma di una stella a cinque punte?
In queste figure geometriche è possibile ritrovare l’armonia della proporzione aurea!
Sezione aurea, rapporto aureo, numero aureo, sono un concetto matematico che risulta essere onnipresente in fenomeni naturali molto diversi tra loro, al quale viene attribuito il nome: “La divina proporzione”.
Per comprendere meglio facciamo un viaggio nel mondo della matematica. “Il numero d’oro, o numero aureo, è un numero irrazionale che rappresentiamo con la lettera greca phi (Φ). Fu una scoperta dei greci dell’epoca classica e la sua storia documentata incomincia da uno dei libri più celebri, più commentati e ristampati della storia: gli Elementi di Geometria di Euclide, scritti intorno al 300 a.C.”1
In termini numerici “Φ” corrisponde a: 1,6180339887498…, ed ha la caratteristica di essere un numero infinito. La sezione aurea è invece, la rappresentazione figurativa del numero aureo, che in geometria viene trasformata in linee e proporzioni. Il numero Φ e la sezione aurea si intrecciano con un altro concetto matematico: la successione di Fibonacci, che è una successione di numeri dei quali ogni elemento, a partire dal secondo, è uguale alla somma dei due numeri precedenti.  La sequenza (infinita) inizia con i seguenti numeri:  0 1  1  2  3  5  8  13  21  34  55  89  ecc.  I rapporti, o proporzioni, che intercorrono tra tutti i numeri della successione di Fibonacci, tendono al numero Φ.
“Giocando con i numeri della serie si possono trovare sviluppi affascinanti e inaspettati.(…) Il rapporto aureo e i numeri di Fibonacci possono assumere la forma di spirali e apparire sia nel mondo microscopico sia nell’immensità dell’universo”. 2
Possiamo trovare dei magnifici esempi proprio vicino a noi come nella diposizione delle foglie nelle piante grasse, le spirali presenti nel cavolo romano, il numero dei petali della margherita, …
“Quando due segmenti stanno in un rapporto aureo, per qualche ragione misteriosa, appaiono particolarmente gradevoli alla vista. Per esempio, se esaminiamo un volto umano definito “bello” si può scoprire come alcune distanze tra gli elementi che lo compongono stanno in un rapporto aureo.” 2
Si può dare per certo che la “proporzione aurea” racchiude una nozione di armonia di valore universale, protagonista nel mondo dell’arte e dell’architettura: è presente nella storia umana da più di 5000 anni, come possiamo scorgere nelle Piramidi (2550 a.C.), nella Porta del sole in Bolivia (1500 a.C.), nella Cattedrale di Notre Dame de Paris… Essa ha ispirato molti artisti: nel famoso uomo di Vitruvio di Leonardo da Vinci e nel volto della sua Gioconda e in altre opere si ritrovano rapporti aurei. Avvalendoci della geometria, possiamo disegnare il rettangolo aureo e scoprirlo in molti oggetti della vita quotidiana come, per esempio, nelle comuni carte di credito.

A questo punto vi chiederete, cosa hanno in comune la proporzione aurea con il metodo Mézières?
La proporzione aurea è anche il modello di riferimento di Françoise Mézières,  fisioterapista francese, che nel 1947 ha portato delle innovazioni rispetto alle tecniche del suo tempo e ha dato vita al metodo che porta tutt’ora il suo nome: Metodo Mézières . Mézières ha affermato: “tutto ciò che è bello funziona bene”. Possiamo dire che un corpo proporzionato, ha dei presupposti per funzionare in maniera ottimale! Lo studio della morfologia del corpo, ovvero della forma del corpo, fa da base alla diagnosi, e diviene la guida costante per il lavoro del terapista.
Sappiamo però che la nostra postura è soggetta a continui cambiamenti; non siamo del tutto allineati: se ci guardiamo allo specchio possiamo trovare differenze tra l’altezza di una spalla e l’altra o possiamo accorgerci quanto la tensione muscolare  determini dei cambiamenti. Questo succede perchè il corpo risponde alla legge del “non dolore” e trova tutte le strategie compensatorie per sfuggirlo. Queste compensazioni, nel tempo, possono diventare deformazioni (cifosi, iperlordosi, scoliosi, ecc.) e si instaura un circuito vizioso dove: una deformazione può provocare un dolore e questo fa comparire un’altra deformazione, poi un altro dolore e così via.

In cosa consisterà il lavoro di rieducazione posturale globale secondo Mézières?
Si tratta di fare il percorso inverso rispetto a quello che è il risultato di questo circuito, ovvero si tratta di partire dalle compensazioni e dai disallineamenti e proporre dei “gesti correttivi”, lavorare sulla percezione del proprio corpo, sulla liberazione della respirazione, sul ripristino della lunghezza dei muscoli. Tendere alla “bella forma”, ad una proporzione armoniosa, che è unica e individuale di ogni persona, in modo che il corpo possa disporre di una maggiore efficacia e un maggior benessere.
Infine, come spiegare questa sorprendente corrispondenza tra elementi matematici come la sezione aurea ed elementi della natura, dell’uomo, dell’universo? A quanto mi risulta, nessuno ha trovato un perché e il rapporto aureo rimane uno straordinario esempio di quel senso di stupore che può pervadere la mente dell’uomo di fronte al mistero, alla bellezza, all’infinito.

Bibliografia

  1. Rivieccio, Sezione aurea il linguaggio matematico della bellezza. Ed. RBA Italia, Mondo Matematico, Milano 2012.
  2. La sezione aurea, la serie di Fibonacci e la natura http://www.itisavezzano.it/download/matematica%20e%20natura.pdf

A cura di:

Alice Kostetzer

Fisioterapista – Metodo Mézières

Contatti

Via Chiesanuova 242/2 – 35136 Padova

Si riceve su appuntamento:
Tel. e Fax: 049 871.66.99
Parcheggio presso la struttura

Orari

Orari di apertura/chiusura della segreteria del nostro studio:

Dal lunedì al venerdì
dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30

Sabato previo appuntamento
dalle 9.00 alle 19.00

Inviaci una mail

Dichiaro di avere letto apposita informativa sulla Privacy e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali.

6 + 12 =

Privacy Policy      Cookie Policy