Una nuova prospettiva sulla felicità sul lavoro: psicologia positiva e lean thinking

Dieci anni fa, veniva reso popolare un indicatore che ha a che fare con la domanda: “Sei una persona felice?”
Il Gross National Happiness (GNH) Index è stato reso popolare nel 2012, a seguito di un incontro delle Nazioni Unite in cui il GNH è stato riconosciuto come un nuovo paradigma per lo sviluppo socioeconomico. I modelli tradizionali di sviluppo si concentrano principalmente sulla crescita economica, mentre il GNH si basa sull’idea che la società umana può progredire solo quando lo sviluppo spirituale e lo sviluppo materiale avvengono simultaneamente, completandosi e rafforzandosi a vicenda.

La nuova sfida di Toyota: produrre felicità
Nelle dichiarazioni che ha pronunciato alla fine del 2020, il presidente di Toyota, Akio Toyoda, ha rafforzato l’impegno dell’azienda a “mettere i clienti al primo posto” e a “mettere le persone al primo posto”, con l’obiettivo di servire la società nel suo insieme. Questa dichiarazione di intenti è profondamente radicata nei valori di Toyota e spiega chiaramente come l’etica dell’azienda – e la sua strategia di sostenibilità a lungo termine – sia strettamente allineata con i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile.
Toyota ha dichiarato di voler produrre “felicità di massa”, sostenendo che la mobilità – nelle sue diverse forme – può regalarci momenti di intensa felicità. Al Toyota Motor Europe Forum 2020 (l’Europa è il continente in cui si registrano i tassi di felicità più alti al mondo), Yumi Otsuka, Vice Responsabile della Sostenibilità in Toyota, ha dichiarato: “Mentre ci trasformiamo da un’azienda automobilistica a un’azienda di mobilità, per produrre felicità di massa, dobbiamo fare di più di automobili, pickup e camion. Dobbiamo allinearci con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, il Green Agreement e un futuro migliore”. Otsuka ha spiegato come l’esperienza e i risultati di Toyota forniscano una solida base per le sue ambizioni future: lo sviluppo di tecnologie in grado di ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili, la realizzazione di veicoli elettrici che possono aiutare a prevenire i cambiamenti climatici, l’utilizzo di nuove tecnologie e lavorare con partner ambiziosi e visionari per costruire Woven City, una città del futuro iperconnessa e sostenibile. Toyota sta apportando cambiamenti sostanziali al modo in cui opera. Basandosi sulla sua esperienza, si sta adattando per essere leader in un mondo in cambiamento, non solo introducendo nuove tecnologie e innovazioni, ma anche contribuendo alla società.
Ognuna delle iniziative sopra citate rappresenta un ulteriore passo verso la felicità di massa, una missione insolita per un’azienda ma che è già motivo di orgoglio per i suoi dirigenti. Ma cosa significa sforzarsi di creare la “felicità umana”?

Psicologia positiva e approccio lean
Con lo sviluppo della moderna società industriale, sono apparsi sempre più studi sul modo in cui le persone e le aziende organizzano il loro lavoro. Tra queste nuove metodologie e filosofie spicca il Lean Thinking, un approccio che cerca di ottimizzare sia i sottosistemi sociali che quelli tecnici di un sistema organizzativo, di cui l’uomo e la tecnologia fanno parte. Questo decennio sarà caratterizzato dagli effetti della pandemia di Covid-19 (accelerazione della digitalizzazione, nuovi mezzi di consumo, nuove preoccupazioni e bisogni umani), che rende ancora più stringente la nostra necessità di ripensare le nostre azioni. Seguendo l’esempio di Toyota, dobbiamo mettere le persone al centro di ciò che facciamo.
Per produrre “felicità di massa”, dobbiamo assicurarci di creare le condizioni di vita e di lavoro in cui le persone possano essere veramente felici. La psicologia positiva, creata da Martin Seligman, può essere utile a questo scopo. La psicologia positiva incoraggia comportamenti positivi ed efficaci che determinano il benessere della persona e si applica bene a molte situazioni aziendali. (Seligman & Pawelski, 2003)
Le persone sono sempre state dietro il successo di Toyota, che è il luogo in cui è nato il Lean Thinking. Sviluppare le persone significa far crescere le loro capacità, comprese quelle psicologiche ed emotive. Dal momento che un sistema snello mette le persone al centro della scena – si parla persino di sviluppare le persone prima di sviluppare prodotti – la psicologia positiva rappresenta un possibile strumento per potenziare il potenziale umano, usando la ricerca della felicità come leva.
La maggior parte delle persone si aspetta di vivere esperienze di lavoro importanti e gratificanti, ma non tutti quelli che si svegliano il lunedì mattina sono entusiasti di andare al lavoro e dare il massimo. Secondo un sondaggio Gallup, solo il 20% dei lavoratori a livello globale è impegnato nel proprio lavoro (Gallup, 2020). Pertanto, possiamo concludere che, senza il coinvolgimento di persone veramente felici, non avremo prodotti e servizi che possano raggiungere l’obiettivo di dare la “felicità di massa”. La positività (o negatività) del posto di lavoro può avere un enorme effetto su una trasformazione snella. Una cultura del biasimo e del rifiuto degli errori e dei problemi, tipica delle organizzazioni tradizionali, è caratterizzata da negatività, porta i semi dell’infelicità sul lavoro e delle potenziali conseguenze disastrose per il morale. Chi paga tutto questo? I clienti, che vengono penalizzati con prodotti e servizi scadenti. Tale negatività scoraggia le persone, genera paura, ansia e vergogna, impedendo infine al potenziale umano di crescere.
Al contrario, i pensatori snelli considerano i problemi con un punto di vista diverso: un atteggiamento molto più positivo nei confronti del lavoro. Parlare di problemi in modo aperto e trasparente ci rende meno ansiosi e preoccupati. Avere supporto nella risoluzione dei problemi ci rende più felici. Trovare i problemi e attivare il giusto meccanismo per risolverli rappresenta un percorso verso la “felicità aziendale”. La psicologia positiva risveglia il potenziale creativo delle persone, aumentando il loro coinvolgimento e aiutandole a costruire una cultura che porti all’innovazione mettendo la felicità al centro del lavoro.
La filosofia lean unita alla psicologia positiva, in questo senso, può rafforzare la resilienza dei dipendenti di fronte a situazioni difficili e aiutare un’azienda a creare prodotti e servizi che davvero “compiacciono” i clienti (come direbbe Toyota), regalando loro momenti di intensa felicità.

Psicologia lean e del XXI secolo
Nel contesto della psicologia positiva, il “capitale psicologico” si riferisce a un insieme di risorse a cui gli individui possono attingere per migliorare le proprie possibilità di prosperare sul lavoro. Questi toccano alcuni dei tratti fondamentali che i professionisti possono mostrare: volontà, che ha a che fare con la motivazione a raggiungere gli obiettivi; ottimismo realistico, visto come fiducia che il futuro sarà positivo; resilienza, capacità di superare condizioni avverse e adattarsi; e la fiducia in sé stessi, che è la fede nelle proprie capacità.
Questi tratti emotivi e comportamenti sono importanti per il professionista del futuro e per il successo delle trasformazioni che molte aziende hanno già intrapreso. Questo perché i dipendenti felici hanno prestazioni migliori e sono più produttivi e perché le organizzazioni che si preoccupano del benessere e della felicità della propria forza lavoro si evolvono più facilmente di quelle che non lo fanno. Abbiamo esperimenti in diversi settori che lo dimostrano.
Che la qualità della vita sia direttamente collegata alla produttività sul lavoro non è una novità. Uno studio del 2018 dell’Università della California ha fatto luce su questo argomento: il sondaggio ha rilevato che un lavoratore felice è, in media, il 31% più produttivo, tre volte più creativo e vende il 37% in più rispetto agli altri. Inoltre, sono motivati ​​a servire meglio il cliente, evitare incidenti sul lavoro e ridurre gli sprechi. Quando le persone sono felici, si sentono al sicuro e supportate, diventano più produttive, fanno un uso migliore della loro creatività e hanno maggiori probabilità di sperimentare, che sono tutti elementi che possono creare o distruggere una trasformazione snella. La felicità riguarda le emozioni positive, come la fiducia e la speranza, che sono molto utili ogni volta che incontriamo degli ostacoli. Negli affari, progetti difficili, compiti impegnativi e stress, ci danno mal di testa su base giornaliera. Anche nelle nostre trasformazioni snelle, gli ostacoli devono essere sempre superati. Sentirsi fiduciosi, fidarsi dei nostri colleghi e manager e lavorare in un ambiente positivo aiuta a garantire che le situazioni difficili possano essere affrontate più facilmente. In questo senso, esiste un legame diretto tra il Lean Thinking e la psicologia positiva. Entrambi contribuiscono al progresso delle aziende. Probabilmente, stiamo vivendo uno dei momenti più difficili della nostra vita. Pertanto, non c’è mai stato un momento migliore per utilizzare una psicologia snella e positiva per cambiare menti, atteggiamenti e abitudini.

Nessuna felicità di massa senza sviluppo continuo delle persone
La missione di Toyota di fornire mobilità e produrre felicità per tutti rappresenta il rafforzamento di un principio che ha definito la Toyota Way fin dall’inizio: l’importanza alle persone. Nelle organizzazioni snelle, ogni attività è fondamentalmente finalizzata allo sviluppo delle persone e alla creazione di un ambiente di lavoro che consenta alle persone di svilupparsi. (Gouveia, 2021) Ora più che mai, questa deve essere una lezione per le organizzazioni tradizionali di tutto il mondo (e per le organizzazioni lean che potrebbero aver dimenticato ciò che conta davvero): le nostre esperienze mentre acquistiamo al supermercato, navighiamo su un sito web o guidiamo un veicolo, possono tutte contribuire alla nostra felicità e al nostro benessere come esseri umani. Lo stesso vale per il tempo che dedichiamo al lavoro. È responsabilità dell’azienda rendere queste esperienze il più positive e appaganti possibile, per garantire che la felicità per clienti e dipendenti sia più di una semplice idea utopica.

 

A cura di:

Antonella Gentile
Laureata in Economia e Commercio presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia
Laureata in Psicologia presso l’Università degli Studi di Padova
Consultant presso Inproov Srl 

C

 

Contatti

Via Chiesanuova 242/2 – 35136 Padova

Si riceve su appuntamento:
Tel. e Fax: 049 871.66.99
Parcheggio presso la struttura

Orari

Orari di apertura/chiusura della segreteria del nostro studio:

Dal lunedì al venerdì
dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30

Sabato previo appuntamento
dalle 9.00 alle 19.00

Inviaci una mail

Dichiaro di avere letto apposita informativa sulla Privacy e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali.

Privacy Policy     Cookie Policy